22 Febbraio 2016 - Appunti di giornata: la sesta di ritorno.

Il Cittadella supera anche l’esame Padova, vince il derby e pone una seria ipoteca alla promozione diretta in serie B: alle spalle bagarre tra 4 squadre per accaparrarsi i posti play off, in attesa di Feralpi-Sudtirol in programma alle 20 di questa sera.
Con il suo gol numero 11, Litteri risolve il derby veneto, raccogliendo il pallone respinto dalla traversa dopo un colpo di testa di Iori: il tutto alla mezz’ora della ripresa con le 2 squadre in 10 per l’espulsione di Cappelletti (64’) e Diniz (73’). Cittadella a quota 50 con la sesta vittoria consecutiva; Padova a 32 punti e prima sconfitta della gestione Pillon dopo 9 partite utili. Successo meritato per la capolista che ha dominato, soprattutto nel primo tempo, anche se i biancoscudati recriminano per l’episodio del 38’, quando l’arbitro ha prima fischiato un calcio di rigore, per poi tornare sulle proprie decisioni. Il portiere Favaro, che da qualche settimana sostituisce l’infortunato Petkovic, è stato il migliore in campo.
Esame superato anche per il Pordenone (43 punti) che prosegue la striscia infinita di vittorie (sono 7 di cui 6 senza subire gol), regolando la Cremonese (31) con il classico 0-2: a segno Cattaneo al 27’ e Stefani, su rigore, nel recupero del primo tempo. Per i grigiorossi tramontano le speranze di agganciare l’alta classifica.
Chi invece rientra in quota play off è il Bassano (40) che con i gol, uno per tempo, di Cenetti e Misuraca ha la meglio sulla Giana (27).
Secondo pareggio casalingo consecutivo (altro 1-1) per l’Alessandria (40): questa volta è il Pro Piacenza (25) ad imbrigliare i Grigi, passati in vantaggio con Vitofrancesco al 31’, rimasti in 10 ad inizio ripresa per l’espulsione di Sirri, raggiunti da Barba al 76’ sugli sviluppi di una punizione dell’ex Rantier e che si divorano il 2-1 con Nicco, all’ultimo secondo di recupero, dopo l’espulsione di Calandra, che da due passi a botta sicura spara addosso a Fumagalli.
Torna in corsa anche il Pavia (36) che soffre, ma ha la meglio contro l’Albinoleffe (15): al minuto 73’ il decimo gol stagionale di Ferretti che significa 8 punti in 5 partite e -4 dalla coppia Bassano-Alessandria.
Anche la Reggiana (34), battuta a Meda dal Renate (Valagussa al 86’), lascia per il momento le ambizioni play off.
Si mescolano le carte anche in coda: il Renate (25) aggancia Pro Piacenza e Cuneo, quest’ultimo battuto a Mantova (22) dai gol del giovane Samb (classe 1997) al 7’ e Marchi al 68’. Virgiliani che tornano a vincere dopo 12 giornate, piemontesi che invece non vincono da 9 turni.
Vince anche il Lumezzane (23) con l’esordiente Antonio Filippini in panchina, ma che sudata per avere la meglio sulla Pro Patria: ospiti in vantaggio con Sarao al 68’, raggiunti da Santana al 86’ poi, in pieno recupero, lo stesso Sarao si fa pare il penalty della vita, ma sulla respinta Valotti fa centro per il successo che significa terza vittoria neroazzurra nel girone di ritorno.
Quindi ci sono 5 squadre in 2 punti, ma anche la Giana deve stare attenta a quota 27.
Il prossimo turno ha in programma la partitissima tra Alessandria e Bassano, sabato alle 17,30, mentre in contemporaneo la Feralpi sarà di scena a Reggio Emilia. Domenica trasferta del Pordenone a Bolzano, con la capolista Cittadella di scena a Gorgonzola.

UFFICIO STAMPA U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912