22 febbraio 2016 - Appunti di giornata: la sesta di ritorno.

DPI_8116-w300-h300

Il Cittadella supera anche l’esame Padova, vince il derby e pone una seria ipoteca alla promozione diretta in serie B: alle spalle bagarre tra 4 squadre per accaparrarsi i posti play off, in attesa di Feralpi-Sudtirol in programma alle 20 di questa sera.
Con il suo gol numero 11, Litteri risolve il derby veneto, raccogliendo il pallone respinto dalla traversa dopo un colpo di testa di Iori: il tutto alla mezz’ora della ripresa con le 2 squadre in 10 per l’espulsione di Cappelletti (64’) e Diniz (73’). Cittadella a quota 50 con la sesta vittoria consecutiva; Padova a 32 punti e prima sconfitta della gestione Pillon dopo 9 partite utili. Successo meritato per la capolista che ha dominato, soprattutto nel primo tempo, anche se i biancoscudati recriminano per l’episodio del 38’, quando l’arbitro ha prima fischiato un calcio di rigore, per poi tornare sulle proprie decisioni. Il portiere Favaro, che da qualche settimana sostituisce l’infortunato Petkovic, è stato il migliore in campo.
Esame superato anche per il Pordenone (43 punti) che prosegue la striscia infinita di vittorie (sono 7 di cui 6 senza subire gol), regolando la Cremonese (31) con il classico 0-2: a segno Cattaneo al 27’ e Stefani, su rigore, nel recupero del primo tempo. Per i grigiorossi tramontano le speranze di agganciare l’alta classifica.
Chi invece rientra in quota play off è il Bassano (40) che con i gol, uno per tempo, di Cenetti e Misuraca ha la meglio sulla Giana (27).
Secondo pareggio casalingo consecutivo (altro 1-1) per l’Alessandria (40): questa volta è il Pro Piacenza (25) ad imbrigliare i Grigi, passati in vantaggio con Vitofrancesco al 31’, rimasti in 10 ad inizio ripresa per l’espulsione di Sirri, raggiunti da Barba al 76’ sugli sviluppi di una punizione dell’ex Rantier e che si divorano il 2-1 con Nicco, all’ultimo secondo di recupero, dopo l’espulsione di Calandra, che da due passi a botta sicura spara addosso a Fumagalli.
Torna in corsa anche il Pavia (36) che soffre, ma ha la meglio contro l’Albinoleffe (15): al minuto 73’ il decimo gol stagionale di Ferretti che significa 8 punti in 5 partite e -4 dalla coppia Bassano-Alessandria.
Anche la Reggiana (34), battuta a Meda dal Renate (Valagussa al 86’), lascia per il momento le ambizioni play off.
Si mescolano le carte anche in coda: il Renate (25) aggancia Pro Piacenza e Cuneo, quest’ultimo battuto a Mantova (22) dai gol del giovane Samb (classe 1997) al 7’ e Marchi al 68’. Virgiliani che tornano a vincere dopo 12 giornate, piemontesi che invece non vincono da 9 turni.
Vince anche il Lumezzane (23) con l’esordiente Antonio Filippini in panchina, ma che sudata per avere la meglio sulla Pro Patria: ospiti in vantaggio con Sarao al 68’, raggiunti da Santana al 86’ poi, in pieno recupero, lo stesso Sarao si fa pare il penalty della vita, ma sulla respinta Valotti fa centro per il successo che significa terza vittoria neroazzurra nel girone di ritorno.
Quindi ci sono 5 squadre in 2 punti, ma anche la Giana deve stare attenta a quota 27.
Il prossimo turno ha in programma la partitissima tra Alessandria e Bassano, sabato alle 17,30, mentre in contemporaneo la Feralpi sarà di scena a Reggio Emilia. Domenica trasferta del Pordenone a Bolzano, con la capolista Cittadella di scena a Gorgonzola.

UFFICIO STAMPA U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912

15 febbraio 2016 - Appunti di giornata: la quinta di ritorno.

Header punto

In attesa dalla “partitissima” di questa sera tra Cittadella e Pavia, vincono Pordenone, Feralpi ed Alessandria, mentre pareggiano Bassano, Reggiana, Sudtirol e Padova. Perde la Cremonese che ora dista 9 punti dai play off.
Come era facilmente pronosticabile il Pordenone (40 punti) centra la sesta vittoria consecutiva a spese del fanalino di coda Pro Patria (2 punti) e mantiene il secondo posto. Eloquente il punteggio: 3-0 con gol di Strizzolo nel primo tempo, Buratto e il neo acquisto Berrettoni, che nel giro di 5 minuti chiudono il match nella ripresa.
Rimane appaiata in seconda posizione la Feralpi (40) che rifila 4 sberle alla Cremonese (31 punti e prima sconfitta della gestione Rossitto). Partita ricca di emozioni: ospiti in vantaggio con Brighenti dopo 9 minuti, poi si infortuna Sansovini e in un quarto d’ora la partita si capovolge. Tortori al 20’ Maracchi al 24’ e ancora Tortori (settimo centro) al 35’ fanno capire che i “leoni del Garda” sono in grado di dire la loro contro qualsiasi avversario. Nella ripresa ancora a segno Maracchi; poi Brighenti si fa parare un rigore, ma al minuto 81’ centra il bersaglio per la dodicesima volta e sigla il risultato finale di 4-2 per la Feralpi che ora vanta il miglior attacco del girone con 38 reti.
L’Alessandria (39) torna a vincere fuori casa (ultima a Mantova ad inizio dicembre) e ritrova i gol di Bocalon (non segnava dalla partita casalinga contro il Sudtirol). A Bergamo i Grigi rischiano nel primo tempo (traversa di Ferretti al 33’), poi dilagano nella ripresa con la doppietta del capocannoniere del girone al 58’ (assist di Fischnaller) e al 61’ (assist di Vitofrancesco). La chiude Iocolano al 65’ (assist d Nicco e deviazione di un difensore). Vannucchi para un rigore a Danti, ma sulla respinta segna Checcucci al 71’. Per l’Albinoleffe (15) solo 3 punti nelle ultime 5 giornate.
Con una doppietta di Chinellato, il Cuneo (25) rimonta nel finale il doppio vantaggio del Bassano (37) in gol con Candido al 25’ e il raddoppio di Momentè al 53’. Tra i due gol ospiti la traversa di Conrotto. Decisivo l’ingresso di Chinellato, a segno al 74’ e all’ultimo secondo del recupero (94’).
Senza reti il pareggio tra Sudtirol (33), che non vince dal 9 gennaio, e Padova (32) giunto al nono risultato utile consecutivo.
Finisce 1-1 il “derby del Po” tra Reggiana (34), alla quinta partita utile consecutiva, e Mantova (19), sempre invischiato nella palude play out. Succede tutto nel primo tempo, con le reti di Gonzi al 17’ e Siega (quinto centro) al 32’. Ha esordito in maglia granata Pazienza (ex Juve, Napoli, Fiorentina), in campo nell’ultimo quarto d’ora.
Altro 1-1 quello tra Pro Piacenza (24) e Giana (27) ed anche qui i gol nel primo tempo con 2 colpi di testa di Cogliati per gli ospiti e di Bini per i padroni di casa.
Il Renate (22) è l’unica squadra delle ultime 7 della classifica ad aver vinto nel girone di ritorno: il successo di Lumezzane (20) è fondamentale perché significa sorpasso nei confronti del rossoblu e -2 dalla zona salvezza. E’ finita 1-3 con i gol di Napoli (rigore) al 22’, il pari di Cruz al 68’ poi le micidiali ripartenze che portano la firma di Graziano (86’) e Curcio (89’) che raccoglie il pallone respinto dalla traversa sulla conclusione di Iovine.
Questa sera alle 20,30 Cittadella contro Pavia, gara tutta da vedere, mentre anche la sesta giornata di ritorno sarà articolata su 3 giorni: sabato i Grigi ospiteranno il Pro Piacenza (ore 17,30), mentre in serata il Pordenone sarà di scena a Cremona. Domenica pomeriggio derby veneto tra Padova e Cittadella poi lunedì , alle ore 20, la Feralpi ospita il Sudtirol.

UFFICIO STAMPA U. S. ALESSANDRIA CALCIO 1912

11 gennaio 2016 - Appunti di giornata: l’ultima di andata

DPI_4562- Gol Ale-w300-h300

Due squadre in testa alla classifica appaiate a quota 32: sono Cittadella ed Alessandria che devono guardarsi le spalle dall’incalzante Bassano a quota 31; poi il Sudtirol con 29 punti a guidare la fila delle altre pretendenti ai play off.
Il risultato più sorprendente della giornata è stata la seconda sconfitta casalinga consecutiva del Cittadella battuto, dopo la Feralpi, anche dal Sudtirol. I bolzanini avevano già fatto un’ottima figura al Moccagatta, pur uscendo senza punti e, in Veneto, hanno dato vita ad una buonissima prestazione che rilancia le ambizione del team guidato da Giovanni Stroppa (10 punti nelle ultime 5 giornate). Cittadella, privo dello squalificato Iori, che passa in vantaggio con Chiaretti dopo 2’. In avvio di ripresa il pari di Tulli; poi in gol Cia al 55’ e il 2-2 firmato Litteri (settimo centro stagionale) al 61’. Match deciso dagli 11 metri a 4 minuti dal termine: segna Gliozzi (ottavo gol) e finale con i padroni di casa in 10 per l’espulsione di Salvi (autore del fallo da rigore decisivo). La squadra di Venturato si consola con il platonico titolo di “Campione d’inverno” in virtù dello scontro diretto favorevole.
Bella gara ad Alessandria dove arriva il rigenerato Padova versione Pillon che conquista l’ottavo punto della sua gestione (2 vittorie e 2 pareggi). Ospiti che recriminano per un rigore non concesso sullo 0-0 e che passano in vantaggio con una precisa ripartenza condotta da Ilari e perfezionata da Altinier al 19’. Nella ripresa Gregucci mescola le carte e Marconi è decisivo con l’inzuccata vincente dopo un’ora di gioco. In pieno recupero annullato un gol a Bocalon, pescato in fuorigioco.
Il Bassano, in serie positiva da 7 giornate, apre la crisi della Reggiana (25 punti) che ha vinto una sola delle ultime 9 partite: la gara è decisa dal solito Iocolano con un gran gol (quinto stagionale) al minuto 88.
Bella partita a Pavia dove la Feralpi tiene testa ai padroni di casa che hanno già iniziato le grandi manovre di mercato: protagonisti del 2-2 finale Tortori e Cesarini, entrambi autori di una doppietta. Ospiti in vantaggio al 36’, ma raggiunti dopo 5 minuti su calcio di rigore. Nella ripresa avanti il Pavia al 68’ con il gol numero 8 del suo numero 10 ed il definitivo pari giunge al 76’.
Vittoria esterna per il Pordenone (25 punti) che passa a Gorgonzola contro una Giana (21) che in settimana ha perso per almeno un mese il bomber Bruno (problema muscolare). Partita decisa nel primo tempo dai gol di Filippini e Mandorlini. Tardiva la rete di Perna al 92’.
Appaiate, a quota 23, Cuneo e Cremonese che danno vita ad uno 0-0 tutt’altro che noioso. Non ha inciso l’esordio di Suciu in grigiorosso ed il Cuneo ha avuto le migliori occasioni, trovandosi di fronte un ottimo Ravaglia ed anche un gol annullato per fuorigioco millimetrico.
Julien Rantier porta ossigeno al Pro Piacenza (22) con il suo quinto sigillo al 56’: lascia il Lumezzane a “soffrire” a quota 19 (prima sconfitta della gestione Nicolato).
Spreca l’occasione della vita la Pro Patria che si fa battere tra le mura amiche dal Renate che sale a 15 punti lasciando i “tigrotti” sempre più ultimi con 7 punti. Gol partita di Florian al 76’ appena rientrato dal Mestre; ripresa giocata dalla Pro in inferiorità numerica per l’espulsione di Taino nel finale del primo tempo.
La giornata si completa in serata con lo scontro delicatissimo tra Albinoleffe e Mantova.
La prima giornata di ritorno si aprirà venerdì prossimo a Salò con di scena i Grigi (ore 20). Domenica sono in programma trasferte insidiose per il Cittadella a Cuneo e per il Bassano a Cremona. Turno sulla carta favorevole al Sudtirol che riceverà la visita dell’Albinoleffe.

UFFICIO STAMPA U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912

- Mi ricordo che…11 gennaio

195253-w300-h300

11 gennaio 1953, l’Alessandria batte il Mantova con un largo 4-1, con gol di Caratti, Mazzucco e una doppietta di Testa, poi espulso. E’ la penultima di andata in serie C e il titolo di campione d’inverno è a un passo.

24 dicembre 2015 - Auguri di Buon Natale!

HEADER_NATALE

“Il Natale per me è un periodo bellissimo. C’è chi lo ama e chi meno. Io amo il periodo natalizio. Mi mette serenità. Voglio fare un augurio immenso a tutti coloro che gravitano nel mondo Grigio. Gli auguri di persona ce li siamo già fatti con giocatori, staff, società e loro famiglie. Ma in questo contesto, vorrei fare i miei più sinceri auguri di Buon Natale e buone Feste a tutti coloro i quali hanno avuto, hanno ed avranno i Grigi nel cuore. Ci sono i tifosi storici che hanno saputo soffrire e soffrire ed ora sugli spalti del Mocca o in trasferta seguono il loro unico colore con infinita passione ed incominciano ad ottenere (finalmente direbbero loro..) le grandi soddisfazioni che avrebbero sempre sperato. Poi ci sono quelli che l’Alessandria era la seconda squadra, prima ci sono “gli strisciati” di Serie A e poi…ma che una vittoria tira l’altra, Palermo tira Genova .. e non c’è cosa più bella che tifare Grigi. Poi ancora quelli che dovranno venire, perché ancora non ci credono del tutto, gli orari non li convincono, fa ancora un po’ troppo freddo…O semplicemente quelli che non sono ancora nati, ma anche per loro un posto al Mocca ci sarà sempre!!.. E poi, infine, perché è bello ricordarli tutti insieme, ci sono i nostri angeli Grigi che da lassù ci spingono a crederci ancora ed ancora ed ancora, e spingono il pallone oltre la rete e gioiscono con tutti noi e sono felici perché vedono cosa sono diventati i Grigi e sanno che è anche per la loro costanza e la loro voglia di tenere accesa la speranza nei momenti più difficili che i Grigi sono prepotentemente qui, sani, e tornati alla ribalta!! Grazie a tutti voi che avete amato e non smetterete mai di amarci e di sostenerci.

Buon Natale a tutti noi, con la gioia nel cuore e con un pensiero sincero a tutte le persone con i Grigi nel cuore che soffrono ed alle persone che sono sole, ma che forse, anche solo un poco, abbiamo saputo far gioire e piangere come noi tra Pavia …Palermo … Mantova… Genova… e che cercheremo di far ridere, piangere ed emozionarsi sempre ed ancora di più.

Buon Natale Grigi. Io vi amo. Ogni Natale di più.

Luca Di Masi

13 dicembre 2015 - Appunti di giornata. La quindicesima di andata

IMG_0061-w300-h300

Cambio della guardia in testa alla classifica: la Feralpisalò non fa sconti a nessuno e, forte di un ruolino di marcia micidiale in trasferta (6 vinte e 2 pareggiate), infligge al Cittadella la prima sconfitta casalinga, così che l’Alessandria scavalca i veneti grazie alla sofferta vittoria interna contro il coriaceo Sudtirol.
Feralpi (27 punti) corsara grazie alla coppia Romero-Bracaletti (settimo gol per entrambi): nella ripresa le reti al minuto 55 e 68 stendono il Cittadella (29 punti) che riesce a reagire nel finale, dopo l’espulsione di Tortori (71’), ma le speranze di riaprire il match si infrangono sulla traversa colpita da Jallow e sui guanti di Caglioni.
L’Alessandria (30 punti) con una doppietta di Bocalon, (nuovo capocannoniere del girone con 10 reti) nel primo tempo ha la meglio sul Sudtirol (23 punti) che interrompe la serie positiva di 6 turni, ma nel finale, dopo il gol di Kirilov (79’), fa soffrire la neo capolista.
In terza posizione, appaiata ai tirolesi, ecco il Bassano (27 punti) che centra la seconda vittoria consecutiva, ma impiega 74 minuti per piegare la resistenza del Renate (9 punti), al quarto k.o. di fila, malgrado l’esonero di Boldini e la presenza in panca del “traghettatore” Adamo. Le reti giallorosse sono di Stevanin e Fabbro (primo centro da pro per l’ex centravanti della Primavera del Milan).
Torna alla vittoria la Reggiana (24 punti) che supera in trasferta l’Albinoleffe (11 punti) grazie ad un gol di Siega dopo un quarto d’ora di gioco. Il risultato permette ai granata di superare in graduatoria Sudtirol e Pavia. Crisi profonda proprio per il Pavia (23 punti) battuto in casa dal Lumezzane (16 punti) con il ritorno in panchina di Paolo Nicolato (già mister la scorsa stagione con alterne fortune dopo i successi con la Primavera del Chievo). Un gol per tempo: Cruz al 22’; Serao su rigore al 53’. Esonero inevitabile per Marcolini (giunto nella serata di ieri) e tanti i problemi: dall’infortunio di Bellazzini, al recupero forse affrettato di Cesarini, alla decisione di mettere fuori rosa La Camera (triennale firmato la scorsa estate), alla rinuncia di Cardin oltre al probabile ingresso in società di Antonino Imborgia (reduce dall’esperienza di Varese e Grosseto, già collaboratore di Preziosi a Como e Genova).
Il Pordenone (22 punti) frena le ambizioni del Cuneo e vincendo al “Paschiero”, con un colpo di testa di Filippini al 82’, aggancia proprio i biancorossi di Iacolino.
Clamorosa la sconfitta della Cremonese (22 punti) che regala la prima vittoria stagionale alla Pro Patria (6 punti): la serie positiva della squadra di Pea che durava da 6 giornate è interrotta dal gol di D’Agostino dopo solo 2 minuti. Il giocatore bustocco era stato tesserato in settimana. Per i grigiorossi solo una traversa di Russo nel finale.
Seconda vittoria consecutiva per Pillon e prima in trasferta per il Padova (21 punti) che mette nei guai la Giana (18 punti) al terzo passo falso interno. Vantaggio ospite con Altinier al 29’, poi Petkovic para un rigore a Bruno (44’). In avvio di ripresa quinto gol stagionale di Neto Pereira (48’) e al 76’ riapre i giochi Bruno (7 gol), ma il finale rimane 1-2.
La paura fa invece 0-0 tra Pro Piacenza (18 punti) e Mantova (14 punti). E domenica prove del nove in contemporanea (ore 17,30) tra il Cittadella che, privo dello squalificato Pascali, gioca a Cremona, mentre i Grigi saranno di scena al “ Mapei Stadium “ (quello dello spareggio del 2000 contro il Prato), ma questa volta contro la Reggiana.

UFFICIO STAMPA U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912

8 dicembre 2015 - La parola ai protagonisti

Mister dopo mantova

Le dichiarazioni di Mister Gregucci, Manuel Fischnaller e Adriano Mezavilla al termine di Mantova-Alessandria 0-4 nella sala stampa dello stadio Martelli.

Trovate i video delle interviste anche nella sezione AC Channel del nostro sito, sul canale You Tube e sulle pagine social ufficiali dell’Alessandria Calcio.

7 dicembre 2015 - Il tabellino di Mantova-Alessandria 0-4

logo-2015

Mantova (MN) – Stadio “Danilo Martelli”

Mantova: Bonato, Scalise (C), Sereni, Dalla Bona, Trainotti, Carini, Di Sant’Antonio (dal 56′ Anastasi), Raggio Garibaldi, Momentè (dal 74′ Gonzi), Zammarini, Foglio (dal 46′ Ungaro).
A disposizione: Albertoni, Longo, Lombardo, Gavazzi, Scrosta, Del Bar, Puccio, Ruopolo, Ungaro, Anastasi, Gonzi. All. Sig.: Ivan Javorcic

Alessandria: Vannucchi, Celjak, Sabato, Mezavilla, Morero (C), Sosa, Marras, Nicco (dal 79′ Vitofrancesco), Bocalon (dal 62′ Marconi), Branca, Iunco (dal 68′ Fischnaller).
A disposizione: Nordi, Picone, Sirri, Terigi, Cittadino, Loviso, Vitofrancesco, Fischnaller, Marconi. All. Sig.: Angelo Gregucci

Arbitro: Sig. Federico Dionisi di L’Aquila
1° Assistente: Sig.Valerio Vecchi di Lamezia Terme
2° Assistente: Sig. Andrea Dessena di Ozieri

Reti: 8′ Mezavilla (A), 24′ Branca (A), 70′  Marconi (A), 83′ Fischnaller (A)

Alessandria in vantaggio all’8′ con Mezavilla, che raccoglie una palla deviata dalla difesa mantovana al limite dell’area e calcia senza pensarci su due volte. Il pallone si insacca alla destra del portiere.

Raddoppio dell’Alessandria con Branca al 24′: scambio Branca-Iunco-Branca, che insacca con un preciso diagonale alla sinistra di Bonato.

Terzo gol dell’Alessandria con Marconi al 70′: assit di Fischanaller, il n.20 Grigio si libera dell’avversario e deposita in rete a Bonato battuto.

Quarto gol dell’Alessandria all’83’ con Fischnaller, che gira di testa un cross di Sabato.

Ammoniti: 53′ Dalla Bona (M), 58′ Bocalon (A), 63′ Marconi (A), 77′ Scalise (M)

Calci d’angolo: 3-1

- La formazione ufficiale dei Grigi con il Mantova

Ecco la formazione ufficiale dei Grigi in campo alle 20 con il Mantova.

A disposizione: Nordi, Picone Sirri, Terigi, Cittadino, Loviso, Vitofrancesco, Fischnaller, Marconi.

Mantova-AL-w1000-h1000

- Mantova-Alessandria su Rai Sport

logo-2015

Questa sera, 7 dicembre alle 20.00, in diretta su Rai Sport Mantova-Alessandria, gara valida per la quattordicesima giornata di andata del campionato Lega Pro.